Crea sito
Image 01

Posts Tagged ‘Tommaso Padoa-Schioppa’

Concertazione, indietro tutta – da “Il Punto” del 14/09/2012

lunedì, settembre 17th, 2012

«Esercizi profondi di concertazione nel passato hanno generato i mali contro i quali oggi noi lottiamo, e a causa dei quali i nostri figli e nipoti oggi non trovano facilmente lavoro». Così parlò Mario Monti lo scorso 11 luglio dal palco dell’assemblea annuale dell’Abi, l’Associazione bancaria italiana. Era il giorno in cui Silvio Berlusconi confermava le indiscrezioni del Corriere della Sera e annunciava una nuova “discesa in campo”, ma anche quello in cui Vittorio Grilli veniva nominato ministro dell’Economia. Nulla però fece rumore quanto le frasi del premier. Arrivate, oltretutto, a pochi giorni di distanza dalla bocciatura – con seguente ridimensionamento “istituzionale” – del presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, che aveva dato solo «sei meno meno» all’operato dell’esecutivo, definito la riforma del mercato del lavoro una «boiata», e si era detto «totalmente d’accordo» con il Camusso-pensiero. Il quale, come abbiamo imparato a conoscere in questi nove mesi, è agli antipodi con quello dello stesso Monti e del ministro del Welfare Elsa Fornero. Insomma, ostracizzare i provvedimenti messi nero su bianco dal governo e criticare a spada tratta tutti gli sforzi che i “Monti boys” stanno difficilmente facendo avrebbe portato ad una crescita dello spread. Quindi meglio ingoiare il rospo e via. Perché «ce lo chiede l’Europa», «siamo ad un passo dal baratro» e via discorrendo. Poi però, a soli tre mesi di distanza, è successo quello che forse nessuno si sarebbe mai immaginato. E cioè che il presidente del Consiglio, a poche ore dall’inizio del vertice fra il governo e le imprese che si è svolto la scorsa settimana, abbia annunciato come «molto della sorte dei lavoratori, degli imprenditori e del Paese è nelle mani delle parti sociali italiane, e non solo e non tanto in quelle del governo». Questo perché, aggiungeva Monti alla fine del “tavolo”, «bisogna abbattere lo spread della produttività. E bisogna fare in fretta: l’Europa ci guarda». Scendendo su un terreno molto più discorsivo e colloquiale, potremmo citare la tecnica del bastone e della carota: alternare alle cattive maniere (le critiche alla concertazione) quelle buone («serve uno sforzo congiunto»). Ma rischieremmo di mancare clamorosamente il bersaglio. Perché quella di nove giorni fa non è la sola “piroetta” dell’ex Commissario europeo. Prima il balletto sulle liberalizzazioni, poi il teatrino sui poteri forti – «In Italia non ne conosco, magari questo Paese ne avesse di più», disse a novembre. Poi a giugno denunciò: «Negli ultimi tempi il governo ha perso il sostegno di Confindustria e dei poteri forti» –, infine la marcia indietro sulla questione di cui si è parlato finora. Nel mezzo ci sono i numeri in crescendo di debito pubblico, disoccupazione e richieste di cassa integrazione (secondo l’Inps, ad agosto sono stati autorizzati alle imprese 67 milioni di ore di Cig, +18,7% rispetto allo stesso periodo del 2011); le questioni di Alcoa, Carbosulcis e di altre migliaia di piccole e media imprese in difficoltà; un Parlamento in letargo che rischia il “miracolo” al contrario di varare una legge elettorale peggio del “Porcellum”. E pensare che l’indimenticato Tommaso Padoa Schioppa, noto per la frase sui «bamboccioni», poche settimane dopo essere diventato ministro dell’Economia (2006) disse: «Concertazione e accordo sono parole del linguaggio musicale»…

Twitter: @GiorgioVelardi

Su che pianeta vivono i tecnici?

martedì, febbraio 7th, 2012

È una domanda che, in questi ultimi giorni, si staranno ponendo in molti: ma su che pianeta vivono i “tecnici”? Sul “pianeta tecnico” – chissà, magari potrebbe essere l’ambientazione naturale di un futuro film di fantascienza – o sulla Terra? A sentire le loro parole c’è da rimanere basiti. E menomale che, messo alla berlina Berlusconi (ma occhio al suo ritorno), ci eravamo illusi che anche la retorica politica degli ultimi vent’anni sarebbe andata a farsi benedire. Con la banda-Monti è un proliferare di dichiarazioni all’arsenico, che hanno come fil rouge il tema del lavoro.

Ha cominciato Michel “il secchione” Martone dando degli «sfigati» a quegli studenti che a 28 anni non si sono ancora laureati. Come se lui, diventato professore poco più che trentenne, non sapesse in che condizioni versano alcuni atenei italiani e che molti dei giovani laureandi lavorano per pagarsi gli studi. I dati di AlmaLaurea, il consorzio interuniversitario nato nel 1994 su iniziativa dell’Osservatorio Statistico dell’Università di Bologna e gestito con il sostegno del Miur, lo hanno sbugiardato: con la riforma del “3+2” l’età media di laurea si è abbassata e di molto, tanto da toccare i 23,9 anni nel caso della triennale e i 25,1 in quello della specialistica. Insomma, siamo ben al di sotto della tanto demonizzata “soglia-28”. Fa specie che a parlare sia, in questo caso, un personaggio alle cui spalle si erge la figura di un padre dal passato importante, come ha ricordato anche Marco Travaglio nell’ultima puntata di Servizio Pubblico (vedi il video qui: http://www.youtube.com/watch?v=rM5gwntnADA)

Poi è stata la volta di “Super Mario” Monti – per qualcuno è ormai “nonno Mario” –, che comodamente seduto sulla poltrona della trasmissione televisiva Matrix ha esclamato, con tono tronfio: «Il posto fisso? Che monotonia!». Come se lui, da europeista convinto qual è, non conoscesse la situazione in cui l’Italia si trova attualmente – rispetto al resto di quei paesi europei con cui si confronta quotidianamente – sotto il profilo dell’occupazione. Ci siamo ritrovati ad avere, da vent’anni a questa parte, quasi 50 tipi di contratti: a tempo determinato, a progetto, di somministrazione (e qui si sprecherebbero le battute), di inserimento, gli stage. Si potrebbe continuare, ma preferisco non annoiarvi. E, guarda un po’ il caso, l’ultimo rapporto Unioncamere-Excelsior ha messo in luce come nei prossimi tre mesi non saranno rinnovati la bellezza di 106mila contratti a termine. Perché forse, quello che Monti non sa, è che il problema non è riuscire a cambiarlo il lavoro, ma a trovarlo (prima di tutto). Ma cosa fa secondo voi il figlio del premier? Ha 39 anni, ed oltre ad essersi laureato alla Bocconi (guarda tu che caso, lì il padre era rettore!) ha già avuto ruoli di spicco in Goldman Sachs (altra coincidenza!), Bain & Company, Morgan Stanley e Citigroup. Insomma, un secchione anche lui. Sono i giovani comuni – e «sfigati» – ad essere delle mezze calzette.

Al terzo posto c’è lei, la ministra che si arrabbia se prima del cognome metti il «la». Perché lei vuole essere chiamata Fornero, Elsa Fornero o il ministro Fornero. Eccheccavolo, anche voi giornalisti che non badate alla lingua e che avete preso la laurea al Cepu! Usate il cervello, diamine! Comunque pure Fornero non ha voluto esentarsi dal dare il suo modesto parere sull’argomento, malgrado qualcuno le abbia consigliato di parlare meno. «Bisogna spalmare le tutele su tutti, non promettere il posto fisso che non si può dare. Questo vuol dire fare promesse facili, dare illusioni», ha detto intervenendo all’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università degli Studi di Torino. Ma che lavoro fa Silvia, figlia del ministro Fornero e del marito, il giornalista/professore Mario Deaglio? Insegna medicina (a soli 30 anni, altra baby-prodigio) nella stessa Università dei genitori. Pure qui una coincidenza, non vi scandalizzate voi menti perfide che non siete altro! E secondo voi «la» Silvia di lavoro ne ha solo uno? E no! Ne ha 2. È infatti responsabile di Human Genetics Foundation che, guarda caso, è una fondazione che si occupa di genetica, genomica e proteomica umana creata dalla Compagnia di San Paolo di cui la Fornero era vicepresidente dal 2008 al 2010. Ma, come amava dire Corrado, «non finisce qui». Perché la HuGeF ha ottenuto – grazie ai contributi di vari enti, fra i quali la Regione Piemonte – quasi un milioni e mezzo di euro per finanziare la ricerca. In un paese dove notoriamente fondi di questo tipo sono agli ultimi posti nei pensieri dei burocrati, e dove i nostri cervelli sono costretti ad espatriare per avere un briciolo di considerazione.

Infine, dulcis in fundo, lei, la Cancellieri. Che non è Rosanna, la giornalista passata anche per gli studi del Tg3, ma la riproposizione al maschile del compianto Tommaso Padoa-Schioppa, ex ministro dell’Economia del governo Prodi. «Gli italiani sono fermi al posto fisso nella stessa città di mamma e papà», il suo commento a Tgcom24. Una versione edulcorata dei «bamboccioni», con l’aggiunta che i ragazzi hanno un po’ le chiappe pesanti e ad andare in un’altra città, se non addirittura all’estero, non ci pensano minimamente. Sarà, ma come ha scritto un mio amico su Facebook, «forse i giovani cercano posto vicino a mamma e papà perché, dati i costi dei nido, il ruolo dei nonni è fondamentale quando si mette al mondo una creatura? Visti i congedi per maternità per donne (ridicoli) e uomini (assenti), una volta fatti, i pupi dove li lasciamo? Alla Cancellieri e alla Fornero???». Ciliegina sulla torta: che lavoro fa il figlio della ministra? È direttore generale di Fondiaria-Sai. Un bel posto fisso da 500mila euro l’anno. Mezzo milione di euro. Eh sì, ma non lavora mica nella stessa città di mammà. Però gli rimborsano qualsiasi tipo di viaggio, anche su Marte. Chissà se la va a trovare, almeno per il pranzo della domenica.