Crea sito
Image 01

Il Paese del giorno dopo

luglio 13th, 2016 by mercantenotizie

13631393_10209979458748234_4041745719525105125_nOggi scopriamo che in Italia 9.161 chilometri di ferrovia sui 16.674 totali sono a “binario unico”. Oggi scopriamo che nel tratto dove ieri è avvenuto l’incidente fra i due treni il tempo, tecnologicamente parlando, si è fermato al 1965, presidente del Consiglio Aldo Moro, che il 30 settembre di quell’anno inaugurò la nuova linea elettrificata da Bari a Barletta.

Oggi scopriamo che una direttiva europea (recepita dall’Italia nel decreto legislativo 112/2015) imponeva a tutte le reti ferroviarie interconnesse con quelle europee la modernizzazione di linee e servizi, ma poi dal ministero dei Trasporti non è mai arrivato il decreto e quindi buonanotte ai suonatori.

Oggi scopriamo – e non è la prima volta – che i soldi per la messa in sicurezza della linea Barletta-Bari ci sono: nel programma Fesr (Fondo europeo di sviluppo regionale) l’Europa ha stanziato 180 milioni di euro, rimasti per la maggior parte inutilizzati.

Scopriamo tutto oggi. Perché siamo il Paese del giorno dopo. Quello che piange i propri morti e assicura che «chi ha sbagliato pagherà». Ma poi, ovviamente, non paga mai nessuno, eccezion fatta per il capro espiatorio di turno. In attesa della prossima tragedia.

Tags: , , ,

Comments are closed.